feed RSS
Segui buonaidea.it su YouTube Segui buonaidea.it su Twitter Segui buonaidea.it su FriendFeed Segui buonaidea.it su Facebook
| | Contattaci | Stampante | Feed RSS | Condividi questo sito nel web
Quando io ero piccolo nasce su facebook grazie ad una felice intuizione di Alberto Giarrizzo, condividere con altri i ricordi dell’infanzia...

ilmiolibro.it

Giovanni Maria Bosis


letto 10186 volte

Annie Leonard torna sull’argomento dell’impatto delle aziende sull’ambiente. Questa volta ci spiega quali sono i rischi dell’ultima trovata delle multinazionali per continuare ad inquinare facendo credere il contrario.

Annie Leonard

Annie Leonard


letto 11629 volte

» tutti i film «

visite:
1.361.028

pagine lette:
3.232.185


iscritti ai feed rss
idee

notizie

visitatori in questo momento
Ricevi i contenuti di buonaidea.it

feed RSS

Newsletter:

delivered by FeedBurner

gli onesti... i nuovi eroi!

Video: [02:07]


visto 11977 volte

Prendere il sole

audio divertente


ascoltato 24058 volte

» tutti audio «
I gatti romani

barzelletta


letta 15160 volte

Cibo invenduto ai poveri: accordo tra Caritas e Unione Panificatori

Translate this page:
Roma il 27-03-2011 | da redazione | Letta 6145 volte
Foto della notizia

200 quintali di pane al giorno invenduti e buttati via: pochi sono consapevoli della silenziosa "strage dei panini" che si ripete quotidianamente e che l'Associazione dei Panificatori di Roma ha di recente denunciato. Se si calcolassero i quintali di pane, pizza e prodotti da forno buttati ogni giorno in tutta Italia, il dato diventerebbe davvero impressionante, ancor di più a fronte degli ultimi dati dell'Istat, che parlano di quasi 8 milioni di poveri tra le famiglie italiane.

 

Così nei prossimi giorni, sotto l'egida di Roma Capitale, sarà avviato un tavolo con la Caritas diocesana e l'Unione Panificatori per trasformare questa "emergenza pane" in un'opportunità. Il sindaco Alemanno ha infatti accolto l'appello lanciato da Don Enrico Feroci, direttore della Caritas diocesana di Roma, di istituire una  "bread-card", una "tessera del pane" da distribuire alle persone bisognose, autorizzandole, a fine giornata, a recarsi presso i punti vendita convenzionati del proprio quartiere per ricevere gratuitamente il pane e gli altri generi alimentari che diversamente finirebbero nella spazzatura perché invenduti.

 

Tessera del pane

 

«E' terribile che ogni giorno vengano buttati oltre 200 quintali di pane - sostiene don Feroci - dobbiamo risolvere questo problema ma farlo in maniera intelligente. Portare tali quantitativi di pane, pizza, biscotti nei nostri centri non è la soluzione: sarebbero troppi anche per noi e i trasporti troppo costosi e ingombranti. Perché al posto di far muovere le merci non facciamo muovere le persone? La Caritas potrebbe distribuire una "bread-card" alle persone disagiate, in modo che possano andare di persona a recuperare i prodotti nei forni, nelle pizzerie, nei supermercati e nelle mense del loro territorio, in un orario prefissato a fine giornata. Un povero che abita a Tor Bella Monaca - spiega - difficilmente verrà a via Marsala per prendere un po' di pane, molto più semplicemente potrà recuperarlo in un negozio vicino casa».
«Attraverso le card - prosegue il direttore della Caritas - si creerebbe una rete di solidarietà allargata a tutta la città: un intero territorio solidale e non solo degli snodi solidali. La Caritas sarebbe solo il link tra panificatori e territorio e lo stesso ruolo potrebbe essere assunto dal Comune o dai municipi. Basta organizzarci, fare incontrare domanda e offerta e possiamo andare incontro a migliaia di persone e anche ai tanti immigrati che stanno bussando alle nostre porte».

 

"Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi, puoi ricevere gratuitamente sul tuo PC i nostri contenuti, attraverso la pagina dei feed di buonaidea.it"

Idee interessanti per te

Translate this page: 

RICERCA NEL SITO:

NOTA:
Inserisci nella casella le parole chiave e premi "Cerca".


X
Invia e-mail