feed RSS
Segui buonaidea.it su YouTube Segui buonaidea.it su Twitter Segui buonaidea.it su FriendFeed Segui buonaidea.it su Facebook
| | Contattaci | Stampante | Feed RSS | Condividi questo sito nel web
Quando io ero piccolo nasce su facebook grazie ad una felice intuizione di Alberto Giarrizzo, condividere con altri i ricordi dell’infanzia...

ilmiolibro.it

Giovanni Maria Bosis


letto 10496 volte

Annie Leonard torna sull’argomento dell’impatto delle aziende sull’ambiente. Questa volta ci spiega quali sono i rischi dell’ultima trovata delle multinazionali per continuare ad inquinare facendo credere il contrario.

Annie Leonard

Annie Leonard


letto 11889 volte

» tutti i film «

visite:
1.361.028

pagine lette:
3.232.185


iscritti ai feed rss
idee

notizie

visitatori in questo momento
Ricevi i contenuti di buonaidea.it

feed RSS

Newsletter:

delivered by FeedBurner

gli onesti... i nuovi eroi!

Video: [02:07]


visto 12369 volte

Prendere il sole

audio divertente


ascoltato 24473 volte

» tutti audio «
I gatti romani

barzelletta


letta 15677 volte

Lana cotta: farla in casa recuperando un maglione infeltrito

Translate this page:
del 12/09/2010 | da redazione | idea letta 34029 volte
Foto dell'Idea

E' proprio vero, certe volte non tutto il male viene per nuocere: infatti se avete appena infeltrito un maglione (di pura lana) non lo buttate, per fortuna è ancora possibile riutilizzarlo per creare borse, pantofole, cappellini, ecc. E chissà che il prodotto finale non venga migliore di quello originale!

 

Quindi fatto il "danno", infilate il maglione in una federa per cuscini possibilmente chiusa con una zip o con bottoni. Mettete quindi il sacchetto in lavatrice cercando di creare un lavaggio energico in modo da infeltrirlo al massimo. Potete raggiungere lo scopo lavandoci insieme un paio di vecchi jeans, delle scarpe da ginnastica, o anche delle palline da tennis. Tutto quanto cioè sfreghi contro la federa e stimoli l'infeltrimento. Avviate la lavatrice impostando la temperatura al massimo e una volta finito il primo ciclo di lavaggio, effettuarne un secondo, ma stavolta impostando la temperatura al minimo. Ovviamente niente ammorbidente, ma piuttosto del sapone infeltrente tipo detersivo per i piatti.

 

Ad ogni ciclo finito aprite la federa a date un'occhiata al vostro maglione, per vedere quanto si è ristretto. Potete ripetere il processo più volte fino a quando sarete soddisfatti.
Per un asciugamento completo, lontano dal sole e non troppo vicino a fonti di calore, sono necessari mediamente 1 o 2 giorni. Dopodiché avrete tra le mani un pezzo di lana cotta!

 

Stelline di lana cotta

 

Molto di moda, si taglia e non sfila, si cuce a vivo, anche con grossi punti a mano. Ci si possono fare: borse, pantofole, tappetini stile etnico, cappelli e molto altro...

 

Fiore di lana cotta

 

Nota importante:

La lana cotta non va confusa con il feltro: quest'ultimo si ottiene a partire da lana cardata, mentre per la lana cotta si parte dalla lana filata che deve essere intrecciata e poi infeltrita, con un processo che si chiama follatura e che, come abbiamo visto, si può facilmente riprodurre con la lavatrice di casa.

 

Tags: donna riciclo riuso risparmio

"Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi, puoi ricevere gratuitamente sul tuo PC i nostri contenuti, attraverso la pagina dei feed di buonaidea.it"

Idee interessanti per te

Translate this page: 

RICERCA NEL SITO:

NOTA:
Inserisci nella casella le parole chiave e premi "Cerca".


X
Invia e-mail