feed RSS
Segui buonaidea.it su YouTube Segui buonaidea.it su Twitter Segui buonaidea.it su FriendFeed Segui buonaidea.it su Facebook
| | Contattaci | Stampante | Feed RSS | Condividi questo sito nel web
Quando io ero piccolo nasce su facebook grazie ad una felice intuizione di Alberto Giarrizzo, condividere con altri i ricordi dell’infanzia...

ilmiolibro.it

Giovanni Maria Bosis


letto 10716 volte

Annie Leonard torna sull’argomento dell’impatto delle aziende sull’ambiente. Questa volta ci spiega quali sono i rischi dell’ultima trovata delle multinazionali per continuare ad inquinare facendo credere il contrario.

Annie Leonard

Annie Leonard


letto 12046 volte

» tutti i film «

visite:
1.361.028

pagine lette:
3.232.185


iscritti ai feed rss
idee

notizie

visitatori in questo momento
Ricevi i contenuti di buonaidea.it

feed RSS

Newsletter:

delivered by FeedBurner

gli onesti... i nuovi eroi!

Video: [02:07]


visto 12579 volte

Prendere il sole

audio divertente


ascoltato 24718 volte

» tutti audio «
I gatti romani

barzelletta


letta 16017 volte

Mobili di legno riciclato: l`arredamento che salva l`ambiente

Translate this page:
del 27/11/2007 | da redazione | idea letta 14576 volte
Foto dell'Idea

Migliaia di chilometri quadrati di foreste scompaiono ogni anno a causa della deforestazione selvaggia, dell’industria del legno e di altri fattori. Come ci dicono alcune delle più autorevoli associazioni ambientaliste (Greenpeace, WWF e Legambiente) il danno è destinato a peggiorare se non si pone da subito un rimedio. Le conseguenze di questo indiscriminato sfruttamento sono inimmaginabili. Sono già andate distrutte la metà delle foreste che originariamente ricoprivano il pianeta, mentre più della metà di quelle che restano sono minacciate dall'industria del legname. In questo modo milioni di specie floreali e faunistiche sono in serio pericolo di estinzione, per non parlare del fatto che numerose popolazioni e culture rischiano di scomparire o sono già scomparse.

L’abbattimento indiscriminato di alberi rappresenta uno dei fattori chiave dello squilibrio che sta minando il nostro ecosistema; un meccanismo, perfetto ma fragile, di scambio tra l’uomo e l’ambiente, fondato su leggi elementari ed inviolabili.

Invertire la rotta si può, a iniziare dai nostri stili di vita quotidiani. Ad esempio acquistando mobili ecologici, ovvero mobili la cui realizzazione non abbia richiesto l’abbattimento di alberi. Bisogna fare attenzione: il mercato dell’arredamento oggi propone molte soluzioni cosiddette “ecologiche”, ma che in realtà non risolvono il problema del taglio degli alberi. Per questo è necessario saper distinguere ciò che è veramente ecologico da ciò che non lo è.

Un autentico mobile ecologico non deve essere solamente “riciclabile” oppure contenere solo una percentuale di legno di recupero, bensì ogni sua parte deve comporsi di legno riciclato al 100%.

Ma come si riconosce un mobile ecologico? A prima vista è molto difficile, perché non vi è alcuna visibile differenza rispetto ad un complemento d’arredo in legno massello. E’ solo il marchio che permette di distinguere il vero mobile ecologico. Oggi i mobili che presentano il marchio Pannello Ecologico sono gli unici realizzati al 100% con legno riciclato, utilizzando esclusivamente materiali ecocompatibili e con un procedimento produttivo di qualità certificata. I mobili con Pannello Ecologico sono prodotti di qualità: si tratta di linee d'arredamento che si distinguono per gli elevati standard estetici, tanto che all'occhio non presentano differenze rispetto ad arredi in legno massello. Dal punto di vista funzionale, il Pannello Ecologico è dotato di notevole solidità e compattezza, oltre ad essere indeformabile e resistente nel tempo. Tanto che i mobili in Pannello Ecologico sono adatti anche per realizzare camerette per bambini, poiché i limiti di autocontrollo delle aziende che producono il Pannello Ecologico sono più severi di quelli previsti dalle norme europee (CR 13887 ARTICOLI PER L'INFANZIA; EN 71-3 SICUREZZA DEI GIOCATTOLI)

Peraltro i mobili in Pannello Ecologico vantano un prezzo decisamente inferiore. In linea di massima il costo non supera quello degli arredi in pannello truciolare. Contrariamente al truciolare tradizionale però con il Pannello Ecologico le foreste vengono risparmiate dall'abbattimento, con conseguente aumento globale della qualità della vita. A fare da garante di tutte queste qualità è il Consorzio Pannello Ecologico, creato per tutelare il marchio e per farsi portavoce del crescente bisogno sociale di salvaguardia dell’ambiente. Il Consorzio è infatti dotato di una struttura indipendente estremamente dinamica, in grado di ottimizzare l'interscambio di informazioni con tutti coloro che desiderano conoscerne gli obbiettivi e la attività. E' bene dire chiaramente che non ci sono altre aziende in grado di produrre un pannello con il 100% di legno riciclato oltre a quelle appartenenti al Consorzio Pannello Ecologico. Per questo il Consorzio Pannello Ecologico ha chiesto e ottenuto un certificato che attestasse l'impiego al 100% di legno di recupero da parte delle sue aziende. Si tratta di una procedura di certificazione unica al mondo, la prova definitiva che conferma formalmente che le aziende del Consorzio Pannello Ecologico utilizzano solo ed esclusivamente legno riciclato.

Sul sito del consorzio potete trovare il database delle aziende che adottano questi principi.

Tags: casa acquisti riciclo riuso

"Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi, puoi ricevere gratuitamente sul tuo PC i nostri contenuti, attraverso la pagina dei feed di buonaidea.it"

Idee interessanti per te

Translate this page: 

RICERCA NEL SITO:

NOTA:
Inserisci nella casella le parole chiave e premi "Cerca".


X
Invia e-mail