feed RSS
Segui buonaidea.it su YouTube Segui buonaidea.it su Twitter Segui buonaidea.it su FriendFeed Segui buonaidea.it su Facebook
| | Contattaci | Stampante | Feed RSS | Condividi questo sito nel web
Quando io ero piccolo nasce su facebook grazie ad una felice intuizione di Alberto Giarrizzo, condividere con altri i ricordi dell’infanzia...

ilmiolibro.it

Giovanni Maria Bosis


letto 10593 volte

Annie Leonard torna sull’argomento dell’impatto delle aziende sull’ambiente. Questa volta ci spiega quali sono i rischi dell’ultima trovata delle multinazionali per continuare ad inquinare facendo credere il contrario.

Annie Leonard

Annie Leonard


letto 11952 volte

» tutti i film «

visite:
1.361.028

pagine lette:
3.232.185


iscritti ai feed rss
idee

notizie

visitatori in questo momento
Ricevi i contenuti di buonaidea.it

feed RSS

Newsletter:

delivered by FeedBurner

gli onesti... i nuovi eroi!

Video: [02:07]


visto 12452 volte

Prendere il sole

audio divertente


ascoltato 24576 volte

» tutti audio «
I gatti romani

barzelletta


letta 15820 volte

Risparmiare sull`acquisto della casa: guida completa per comprarla all`asta senza errori

Translate this page:
del 19/09/2008 | da redazione | idea letta 8667 volte
Foto dell'Idea

Grazie alle recenti modifiche apportate alla legislazione in materia, le procedure per acquistare un immobile all'asta sono diventate più trasparenti e alla portata anche di chi non è addetto ai lavori. Ma come si deve procedere?

 

Primo passo: trovare l'avviso giusto
Gli avvisi d'asta devono essere resi pubblici almeno 45 giorni prima della data fissata per l'incanto, insieme a tutte le informazioni utili affinché i potenziali clienti possano documentarsi prima di decidere se partecipare all'asta o meno. Se ne trovano elenchi periodici sui quotidiani, ma esistono anche riviste e siti internet specializzati, come:

 

Secondo passo: visionare la perizia e visitare la casa
Per ogni immobile, dal tribunale viene nominato un custode: bisogna rivolgersi a lui per visitare la casa. Ma conviene prima di tutto prendere visione della perizia connessa all'avviso d'asta, ovvero quel documento che descrive minuziosamente l'immobile, il contesto in cui si trova e il suo stato giuridico. Sarà fondamentale per farvi un'idea del prezzo reale della casa, anche in base a variabili importanti come abusi edilizi non sanati, spese condominiali arretrate ecc. Solo su questa base potrete elaborare la vostra offerta.

 

Terzo passo: fare delle verifiche in proprio
La perizia non sempre è sufficiente per scansare le brutte sorprese. Ci sono vizi occulti che possono essere scoperti solo incaricando una persona di fiducia di verificare tutti gli aspetti dell'immobile: richiedere tutti i documenti del caso e informarsi con l'amministratore su eventuali pendenze con il condominio. Infatti la legge da questo punto di vista non tutela l'acquirente: secondo l'articolo 2922 del Codice Civile "Nella vendita forzata non ha luogo la garanzia per i vizi della cosa. Essa non può essere impugnata per causa di lesione." Non a caso nei decreti di vendita si precisa che "La vendita, a corpo e non a misura, avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano senza che eventuali difformità tra i beni e la sua descrizione risultante in perizia possano dar luogo a risarcimento, indennità o riduzione del prezzo non essendo la presente vendita forzata soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potendo essere risolta per tali motivi".

 

Quarto passo: partecipare alla gara
A questo punto potete fissare la cifra massima che siete disposti a spendere per l'acquisto. E' il momento di presentare in tribunale una busta chiusa contenente una proposta d'acquisto e un assegno circolare per la cauzione (10% del prezzo di partenza). Tenete presente che il prezzo base di norma è molto basso, ma solitamente si conclude a cifre assai superiori. Il giorno stabilito per l'udienza il giudice incaricato apre le buste. Se c'è una sola offerta che supera di almeno un quinto il prezzo base il giudice aggiudica direttamente la casa. In caso contrario, parte la gara.

 

Dopo la gara, l'incanto...
Se la gara non porta alla assegnazione della casa al miglior offerente, si procede all'incanto: a questo punto si rincomincia da capo, bisogna presentare di nuovo la domanda di partecipazione e ridare la cauzione. Il giorno stabilito chi ha fatto domanda partecipa all'asta nel modo classico, con rilancio a voce. Anche dopo l'aggiudicazione, entro 10 giorni, chiunque sia interessato può riaprire la gara.

 

...e infine l'aggiudicazione
L'aggiudicazione definitiva avviene solo dopo che chi ha comprato paga l'intero importo, non oltre i due mesi dalla fine dell'asta.

 

Qui potete trovare una serie di consigli utili su imposte di registro, cancellazione dell'ipoteca, pendenze condominiali e sul caso di immobili occupati.

Anche acquistando all'asta si può fare ricorso ad un mutuo: ecco l'elenco delle banche che lo erogano.

Tags: casa acquisti risparmio

"Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi, puoi ricevere gratuitamente sul tuo PC i nostri contenuti, attraverso la pagina dei feed di buonaidea.it"

Idee interessanti per te

Translate this page: 

RICERCA NEL SITO:

NOTA:
Inserisci nella casella le parole chiave e premi "Cerca".


X
Invia e-mail