feed RSS
Segui buonaidea.it su YouTube Segui buonaidea.it su Twitter Segui buonaidea.it su FriendFeed Segui buonaidea.it su Facebook
| | Contattaci | Stampante | Feed RSS | Condividi questo sito nel web
Quando io ero piccolo nasce su facebook grazie ad una felice intuizione di Alberto Giarrizzo, condividere con altri i ricordi dell’infanzia...

ilmiolibro.it

Giovanni Maria Bosis


letto 10649 volte

Annie Leonard torna sull’argomento dell’impatto delle aziende sull’ambiente. Questa volta ci spiega quali sono i rischi dell’ultima trovata delle multinazionali per continuare ad inquinare facendo credere il contrario.

Annie Leonard

Annie Leonard


letto 11997 volte

» tutti i film «

visite:
1.361.028

pagine lette:
3.232.185


iscritti ai feed rss
idee

notizie

visitatori in questo momento
Ricevi i contenuti di buonaidea.it

feed RSS

Newsletter:

delivered by FeedBurner

gli onesti... i nuovi eroi!

Video: [02:07]


visto 12518 volte

Prendere il sole

audio divertente


ascoltato 24634 volte

» tutti audio «
I gatti romani

barzelletta


letta 15902 volte

Giocare con i figli: 10 regole per essere un genitore quasi perfetto

Translate this page:
del 29/04/2009 | da redazione | idea letta 15105 volte
Foto dell'Idea

Chi ha figli sa quanto sia importante il giocarci insieme, è uno scambio affettivo ma anche conoscitivo. Attraverso il gioco conosciamo meglio nostro figlio: come si esprime e come vede la realtà. Ma in che modo dovremmo giocare, o svagarci, con loro? Giocare andrebbe inteso come attività di svago, anche leggere favole o passeggiare insieme può essere considerato gioco se al figlio piace. Per schematizzare a grandi linee, è importante considerare la fase di sviluppo del bambino:

 

  • da 0 a 3 anni: i giochi sono di tipo senso-motorio, cioè manipolazioni, movimenti, ecc;
  • da 4 a 5 anni: il gioco diventa simbolico, il bambino utilizza oggetti e interpreta ruoli;
  • da 6 a 8 anni: il gioco si fa strutturato, comincia ad utilizzare le regole;
  • dagli 8 anni in poi: il gioco coinvolge tutti questi aspetti.

 

Ma quali sono i giochi più adatti? Tutti, tranne quelli che mettono a rischio l'incolumità. Non esistono giochi proibiti, ogni famiglia ha il suo stile. Anche la lotta con papà e l'aggressività, se contestualizzate vanno benissimo.

 

E' invece sconsigliato rendere tutti i giochi istruttivi insistendo con regole didattiche: se il bambino conosce le regole, ma quel giorno vuole capovolgerle, perché non farlo? Anche quello è gioco. Dobbiamo, ascoltare, osservare e seguire nostro figlio, uscire da una visione rigida. Abbiamo visto bambini saltare di gioia semplicemente cominciando il pranzo con il gelato e finendolo con il primo!

 

Allo stesso modo è controproducente giocare con i propri figli se lo si fa controvoglia. Se si è stanchi per il lavoro, stressati o comunque non ve la sentite proprio, è meglio aspettare "tempi migliori". Lo stesso vale per il bambino... insomma giocare insieme si, ma deve essere un piacere condiviso!


Ecco comunque un utile decalogo per essere un genitore quasi perfetto:

 

  1. Creare un ambiente favorevole al gioco: giocattoli, tempo, spazio e libertà;
  2. Lasciare che i bambini giochino con noi come vogliono loro: se non esistono pericoli non interferire;
  3. Non giocare coi bambini per senso del dovere. E' meglio giocare per 15 minuti con intenso e reale coinvolgimento che un'ora distratti o annoiati;
  4. Valorizzare il gioco quanto tale, anche se ci sembra privo di senso;
  5. Valorizzare il bambino non per i risultati raggiunti, ma per l'impegno;
  6. Essere pazienti, non far capire a nostro figlio che stiamo aspettando che lui arrivi allo scopo;
  7. Non insegnare ai bambini come si usa un giocattolo: che lo usi come vuole!
  8. Anche nei giochi con regole (da tavolo, di carte, di società...) assecondarlo quando vuole provare a cambiarle: anche quello è un gioco!
  9. Si può giocare insieme ai videogame , ma è importante imporre dei paletti temporali da non superare. Se il bambino non smette proporre alternative seguendo le sue inclinazioni e non le vostre.
  10. E' sconsigliabile consentire al bambino di utilizzare la televisione come "sottofondo" dello studio e del gioco. Non permette la concentrazione.

 

Tags: bambini gioco

"Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi, puoi ricevere gratuitamente sul tuo PC i nostri contenuti, attraverso la pagina dei feed di buonaidea.it"

Idee interessanti per te

Translate this page: 

RICERCA NEL SITO:

NOTA:
Inserisci nella casella le parole chiave e premi "Cerca".


X
Invia e-mail