feed RSS
Segui buonaidea.it su YouTube Segui buonaidea.it su Twitter Segui buonaidea.it su FriendFeed Segui buonaidea.it su Facebook
| | Contattaci | Stampante | Feed RSS | Condividi questo sito nel web
Quando io ero piccolo nasce su facebook grazie ad una felice intuizione di Alberto Giarrizzo, condividere con altri i ricordi dell’infanzia...

ilmiolibro.it

Giovanni Maria Bosis


letto 10596 volte

Annie Leonard torna sull’argomento dell’impatto delle aziende sull’ambiente. Questa volta ci spiega quali sono i rischi dell’ultima trovata delle multinazionali per continuare ad inquinare facendo credere il contrario.

Annie Leonard

Annie Leonard


letto 11953 volte

» tutti i film «

visite:
1.361.028

pagine lette:
3.232.185


iscritti ai feed rss
idee

notizie

visitatori in questo momento
Ricevi i contenuti di buonaidea.it

feed RSS

Newsletter:

delivered by FeedBurner

gli onesti... i nuovi eroi!

Video: [02:07]


visto 12457 volte

Prendere il sole

audio divertente


ascoltato 24580 volte

» tutti audio «
I gatti romani

barzelletta


letta 15825 volte

Data di scadenza e corretta conservazione: quello che le aziende non dicono

Translate this page:
del 27/12/2008 | da redazione | idea letta 8974 volte
Foto dell'Idea

Per i prodotti alimentari la "Data di scadenza" indica la data entro cui le aziende assicurano l'integrità delle proprietà organolettiche. Di solito, superato questo limite, il prodotto è ancora commestibile ma perde molte delle sue qualità. Altre volte invece la data di scadenza è imposta per decreto, si tratta dei prodotti più deperibili come uova, prodotti lattieri freschi, carne e pasta.

In questo caso cibarsene, potrebbe essere pericoloso per la salute e quindi altamente sconsigliato.

 

Per quanto riguarda i farmaci invece, la scadenza tra i 2 e i 5 anni si riferisce a confezioni integre. Questo significa che dopo l'apertura, la scadenza si accelera e le date segnalate si accorciano. Anche se non è detto che una medicina scaduta diventi tossica, è comunque meglio non usufruirne poiché con il tempo, il principio attivo, diventa meno efficace.

Per i farmaci poi è molto importante il luogo di conservazione. Molti infatti li ripongono nell'armadietto del bagno, in cucina o nello sportello del frigo. Ambienti pessimi perché più soggetti a calore e umidità, fattori che ne accelerano la degradazione.

 

Il nostro consiglio è quello di riporli in una scatola da conservare nello sgabuzzino o nell'armadio in camera da letto, lontano comunque dalla luce e da fonti di calore.

 

Tags: alimentazione suggerimenti salute

"Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi, puoi ricevere gratuitamente sul tuo PC i nostri contenuti, attraverso la pagina dei feed di buonaidea.it"

Idee interessanti per te

Translate this page: 

RICERCA NEL SITO:

NOTA:
Inserisci nella casella le parole chiave e premi "Cerca".


X
Invia e-mail